Giulio è un uomo ancora giovane per rimanere vedovo e solo. Gestisce un’autoscuola e le allieve sono spesso protagoniste della sua “disperata” ricerca d’“amore”. Eppure quando riesce ad invitarle nel suo monolocale da single, qualcosa inspiegabilmente va storto: lampadari che cadono, divani spostati, tavolini fuori posto. Sembra che su di lui incomba una maledizione! Anche l’amore autentico di Maria, l’ultima conquista di Giulio, è messo a dura prova!
La spiegazione, però, viene presto alla luce (se così si può dire) e una sera appare il fantasma della moglie: è lei a volergli rendere la vita un inferno!
Perché? Per vendetta. La sua dipartita, causata da uno scontro frontale con un albero centenario, è tutta colpa di Giulio. In realtà non era lui alla guida quella notte, ma un giovane amante appena patentato, assolutamente incapace di guidare una fiammante Porsche. Ma chi gli aveva dato la patente? Proprio Giulio, suo marito. Un inconscio desiderio di disfarsi di lei? Un incredibile caso di omicidio?
No! La verità è che Lei, la moglie, non è pronta a lasciare questa vita, perché lo ama ancora, perché è pentita della scappatella, perché magari vorrebbe un figlio, insomma, ecco, proprio non si dà pace. La sua presenza è un improbabile, ostinato tentativo di riconquista, una battaglia senza esclusione di colpi anche e soprattutto contro Maria con la quale Giulio sta programmando una nuova vita di coppia.
Tre personaggi, un esorcista da strapazzo su internet , una girandola di dialoghi esilaranti, situazioni paradossali e colpi di scena, tutto per far desistere il fantasma dal suo scopo, ma Lei è decisa: “non lo molla neanche morta”… Ci sarà un lieto fine? Certo, ne abbiamo bisogno, come in una commedia di Doris Day e Rock Hudson, solo che questa è datata 2016.